Post

Non ci sono più i comunisti di una volta

Pierluigi Bersani si è accorto di un fenomeno in atto e –  crediamo senza bisogno di attingere a sondaggi riservati – ha lanciato l’allarme: “Guardate che i comunisti di una volta oggi votano Lega”. Il che è, in parte, vero e dimostra che Bersani è una persona onesta e intelligente. Ma dimostra anche che Bersani – e tutta la vecchia classe dirigente del PD – ha dei riflessi molto, molto lenti. Non è che il travaso di elettori da un partito a un altro si consuma nel breve volgere di una stagione. Ci vogliono anni prima che il processo si compia. E se tu, ex segretario del Partito Democratico, già Partito Democratico della Sinistra, Già Partito Comunista Italiano, te ne accorgi solo ora della transumanza, a stalle chiuse, e una volta uscito da quello stesso partito, allora non sei proprio stato uno Speedy Gonzales dell’intuizione politica.

Ma il tema di questo post non è tanto Bersani, quanto piuttosto il curioso fenomeno da costui denunciato: i votanti di un partito della sinistra storica, il PCI, starebbero oggi con un movimento che, secondo la vulgata di moda, è un partito di destra lepenista, populista, e pure razzista già che ci siamo. Sediamoci insieme, Pierluigi, sediamoci insieme e ragioniamo. Cosa può essere successo? Mi pare che, sul tappeto, le ipotesi siano solo due: o sono impazziti i tuoi vecchi elettori oppure è impazzito il partito che li rappresentava, cioè il tuo vecchio, caro partito comunista. Ma c’è un’altra questione sconvolgente da affrontare. Non è che gli elettori comunisti sono andati a parare in un’altra casa della sinistra, sono finiti dritti dritti tra le braccia di quella che i tuoi compagni, adesso, chiamano la minacciosa nuova destra. Allora, riponiamoci la domanda, in modo più brutale: si sono rincoglioniti milioni e milioni di sofisticati compagni ‘rossi’, tramutatisi all’improvviso in rozze camicie ‘verdi’, oppure si sono rincoglioniti i vertici di quel partito che tu chiamavi comunista e poi, più americanamente parlando, Partito Democratico?

Rifletti, Pierluigi, mettila sul piano delle semplici probabilità. Usa il rasoio di Ockham: qual è la risposta più ovvia? Ce l’hai sulla punta della lingua e ti voglio anche aiutare. Per arrivarci, butta a mare tutte le minchiate della politica contemporanea (su fascismo, populismo, storytelling, parità di genere, diritti civili eccetera eccetera) e concentrati sui solidi, ma validi, arnesi del tuo bagaglio marxista di gioventù: interessi materiali, lotta di classe, dati economici, diritti sociali. Ora, vai a controllare i dati statistici degli ultimi vent’anni sulla redistribuzione della ricchezza, sulla difesa dei salari, sulla tutela dei lavoratori, sulla giustizia sociale. Ecco, ti accorgerai che il tuo partito ha assecondato tutte le svolte cruciali, e tutte le decisioni politiche, destinate a far diventare le classi basse più misere, le classi medie più povere, e le classi ricche ricchissime. Infine, fai un sondaggio ai più alti livelli: chiedi a tre o quattro grandi investitori internazionali (miliardari duri e puri) chi voterebbero, se potessero farlo, in Italia. Ti risponderanno tutti: PD. E allora canta con me, e con Gaber: “Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra?”. Vedi che, canticchiando canticchiando, ti illuminerai d’immenso.

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com

Potrebbe Interessarti Anche

2 Commenti

  • Rispondi
    FRANCO MUZZI FOX
    28 settembre 2018 a 01:52

    Complimenti per la capacità comunicativa, la creatività e la padronanza della lingua.
    Mi permetto solo di dissentire, e se fossimo a quattrocchi lo farei pure energicamente, sul punto in cui lei parla di un Bersani dalla provata onestà e intelligenza. Lei stesso nell’analisi successiva fa il punto sul fatto che sembrerebbe impossibile svolgere un ruolo così alto senza mai rendersi conto di quanto stesse avvenendo.
    Credo che Lei, pur dotato di superba ironia, pensi realmente che Bersani sia un onesto e intelligente,… magari condizionato da una televisione che spesso ha distribuito “ghiande ai porci” ricordandoci le origini umili del soggetto, il padre con le mani sporche in officina e stereotipi del genere. Sappiamo entrambi che Bersani è in freezer in questo momento. Pronto ad essere scongelato e rimesso in campo proprio come quei giocattoli a molla ai quali basta dare la carica ed essi ripartono.
    Il progetto di destabilizzazione socio economico culturale affonda nella notte dei tempi (riferendomi ai tempi della nostra “res pubblica” sia chiaro), ma nel corso dei decenni, i veri poteri occultati dai poteri di facciata, hanno solo potuto fare azioni su singoli o su piccole aree attraverso il presunto terrorismo, mentre dal 2001 è partito l’ordine da parte dei vertici di questi poteri occulti, di prendere di mira l’intero pianeta.
    I tempi sono maturi! mentre se negli anni ’60 – ’70 avessero mai provato a fare le cose che oggi stanno facendo, ci sarebbero state sommosse popolari incontenibili, oggi, con gli animali sociali nati in cattività diventa tutto molto più facile. Se domattina mettessero la regola che di domenica si può circolare solo con auto di colore azzurro, vedremmo gran parte della gente fare di tutto per avere un’auto di quel colore, se non una second auto di quel colore. Bersani è uno dei politici più falsi e voltagabbana che abbiamo avuto in Italia… è come uno che fa parte di una massoneria o di una setta, alla quale giura fedeltà prima ancora che al paese o alla gente.
    Lei, da come scrive, dimostra di avere grande capacità nel saper vedere oltre la facciata e l’apparenza. Non si faccia incantare dall’accento romagnolo e dal fatto che questo figuro finge di adirarsi ogni volta che qualcuno osa mettere in dubbio la sua onestà. Perché a quel livello se non sei un disonesto allora devi essere proprio un ottuso bigotto accecato dal proprio onanismo intellettuale… e personalmente opterei almeno per un “fifti-fifti”.
    Cordialmente…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.